La piastra per capelli è un alleato prezioso. Eppure molti pensano ancora che possa rovinare i capelli. Certamente non dobbiamo abusarne, e se usata nel modo corretto, la piastra potrà regalarci un look da favola! Vediamo alcune regole fondamentali.

  1. Usare la piastra sempre sui capelli perfettamente asciutti. Dobbiamo fare un’asciugatura a regola d’arte. Se non vogliamo perdere tempo con spazzola e phon possiamo asciugare i capelli con le mani tenendo il phon dall’alto verso il basso e con l’apposito beccuccio che direziona l’aria. Se abbiamo una chioma abbondante suddividiamo i capelli con le mollette e asciughiamo prima le ciocche sottostanti. Non facciamo l’errore di asciugare i capelli col phon in fretta e furia perché tanto dopo sistemeremo con la piastra, otterremo solo l’effetto di increspare i capelli e di spezzarli per poi passare la piastra più volte nel tentativo di lisciarli.

Una volta che i capelli sono asciutti spazzoliamo delicatamente e suddividiamo di nuovo in ciocche. Una piastra per capelli di qualità ha la temperatura regolabile, proviamo prima con la temperatura minima e passiamo la piastra delicatamente e lentamente, ma senza soffermarci sulla ciocca. Aumentiamo la temperatura solo se vediamo che la ciocca non risulta subito liscia.Leggere di più su sito web

  1. Usare la piastra sui capelli puliti. E’ importantissimo non usare la piastra per capelli se non li laviamo da qualche giorno o se sono sporchi di gel, lacca, schiuma. Questi prodotti a contatto con il calore non faranno altro che rovinare i capelli. Usare la piastra sui capelli rovinati, spezzati o con doppie punte peggiora la situazione. Apparentemente la piastra ha un effetto estetico eccellente perchè compatta e chiude le punte dei capelli spezzati eliminando l’effetto “paglia”. Eppure in questo caso dovremmo usare la piastra solo in casi di emergenza come una cerimonia o un evento importante, ma curare e se necessario tagliare i capelli il prima possibile.

  1. La piastra per capelli deve accompagnare la ciocca. Deve essere chiusa delicatamente sulla ciocca senza stringere, in modo che scivoli sui capelli. Procedete verso il basso e quando arrivate alle punte potrete delicatamente direzionare la ciocca verso l’interno o all’esterno in modo che le punte non risultino troppo dritte. Per le ciocche alla sommità del capo, chiudete la piastra vicino alla radice e procedete con un movimento prima verso l’alto e poi che scende verso il basso simulando lo stessso gesto che fareste con la spazzola. Infatti se tirate le ciocche troppo dritte verso i lati o direttamente verso il basso avrete un effetto rigido e artificiale. Non cedete alla tentazione di lavorare solo le ciocche superiori perchè se il capelli di sotto si gonfioano o si increspano avrete sprecato il vostro tempo.
Generale